* La nocciola nei dolci laziali

Percorrendo le altre province del Lazio, i viaggiatori lenti hanno la possibilità di gustare numerose preparazioni alimentari tradizionali, diffuse in alcuni casi in diverse regioni italiane ma che in ogni luogo hanno assunto nel tempo elementi esclusivi di una determinata area. Non rimane che provare scovando quei produttori e trasformatori che con passione propongono ai consumatori sani e gustosi alimenti.

Tra i prodotti tradizionali del Lazio, le nocciole sono presenti, come ingrediente, in numerose preparazioni: dal Torroncino di Alvito (Fr), al Panpepato o Panpapato della zona di Anagni (Fr) e comuni limitrofi (in tutto il territorio laziale esistono variazioni di ricetta e di denominazione), il Cacione, panzerotti ripieni a base di zucca, mandorle e nocciole nel territorio di Civitella San Paolo (Rm), i Pezzetti di Sermoneta (Lt), dolce a forma di filoncino con miele e farina, la Copeta o Nociata, dolce a base di miele, noci e nocciole di forma romboidale nel comprensorio dell’Alta Valle del Velino, Sabina reatina e Cicolano, il Pampepato e i Tozzetti della Sabina, il Pangiallo di Forano, i Tersitti de Girgenti, dolcetti tipici di Natale a forma di triangolo o losanga nell’area del Cicolano.